ISCRIZIONE NEWS



DIAGNOSI ENERGETICA
argaiv1144
Con i crescenti costi di approvvigionamento energetico e con le problematiche riguardanti i cambiamenti climatici, la politica europea in tema di energia e ambiente tiene conto della sostenibilità energetica ed ambientale, con specifiche direttive sul Protocollo di Kyoto e sulla spinta all’efficienza energetica. In questo campo, la Direttiva CE/2006/32 – concernente l’efficienza degli usi finali dell’energia e i servizi energetici, pone l’obiettivo di migliorare l’Efficienza Energetica sotto il profilo costi/benefici. Gli Stati Membri devono assicurare la disponibilità di sistemi di diagnosi energetiche efficaci e di alta qualità, destinati ad individuare eventuali misure di miglioramento dell’efficienza energetica, applicate in modo indipendente a tutti i consumatori finali, compresi i clienti di piccole dimensioni nel settore civile, commerciale e le piccole e medie imprese.

Risulta quindi di grande importanza la presenza di tecnici qualificati e di una metodologia di realizzazione di diagnosi energetiche, che possano migliorare l’uso razionale dell’energia e ridurre le emissioni in atmosfera.

Quali misure possono essere adottate per gli edifici esistenti?

L’analisi dei fabbisogni di energia ed il contenimento dei consumi, può condurre alla riduzione immediata dei costi di gestione dei siti, incrementando di fatto il valore stesso dell’edificio e/o delle strutture. Risulta quindi di grande importanza effettuare una diagnosi da parte di tecnici qualificati ed indipendenti che, con una metodologia di ricerca dei risparmi sviluppata in campo, possano orientare i gestori ed i proprietari nelle scelte prioritarie di investimento.

Cosa sono le Diagnosi Energetiche?

Le Diagnosi energetiche hanno lo scopo di individuare i possibili risparmi di energia in termini di conduzione impianti, gestione dell’immobile, isolamento termico dell’edificio. La diagnosi dei consumi prevede l’analisi dei fabbisogni, il bilancio energetico, la creazioni di indicatori di consumo e la ricerca delle soluzioni sulla conduzione e gestione del sistema edificio-impianti per tutti gli usi finali di energia, acqua, etc. Con una diagnosi ben eseguita diventa possibile effettuare un piano delle azioni per la riduzione dei costi energetici e per la produzione di energia rinnovabile.

Quali sono le fasi delle diagnosi energetiche?

Di seguito le fasi e le principali azioni da eseguire per la realizzazione del processo di diagnosi energetica.

Studio
Analisi del modello: individuare il modello di intervento rispetto al contesto e agli obiettivi. Audit energetico: effettuare una valutazione di efficienza energetica al fine di conoscere puntualmente dove e come intervenire per ottenere il miglioramento desiderato. Progettazione: progettazione degli interventi rispetto all’analisi dei risultati prodotti dall’audit energetico.

Attività
Esecuzione: gestione e realizzazione degli interventi individuati.

Controllo
Verifica dei risultati conseguiti a seguito degli intereventi e produzione della certificazione energetica.

Monitoraggio
Monitoraggio dei miglioramenti conseguiti.